RetroNews

RetroNews

Notizie, curiosità, eventi.....

jn 59E' online il numero 59 della fanzine di retrocomputing Jurassic News. In questo numero:
- Editoriale: Crescete e moltiplicatevi
- Le prove di JN: General Processor - Modello T
- Retrocomputing: Le cose che odio
- Il raconto: Automatik (29) - La guerra dei cloni
- Una visita a: Museo del calcolatore “Laura Tellini”
- Sinclair Club: ZX Spectrum 48K - migliorare l’uscita video
- Retro Software: Tiramisu
- Darwin: Design, retrocomputing ed altre faccende
- Mostre ed eventi: Convegno AICA - Il computer racconta se stesso
- Personaggi: Gianni Giaccaglini
E' prelevabile online su www.jurassicnews.com

.

storia informatica WebAICA (Associazione Italiana Calcolo Automatico), ed il Dip. di Informatica della Università di Verona, organizzano per il 18 Giugno prossimo l'evento "Il Computer racconta se stesso".

Nell’incontro si tratteranno numerosi temi relativi alla vita delle collezioni storiche di materiale informatico: dalle problematiche di gestione alle opportunità culturali, dalla fruibilità alle occasioni di collaborazione. Un’attenzione particolare sarà posta alla potenzialità della ‘vecchia’ informatica come strumento didattico per avvicinare le nuove generazioni al mondo della matematica e della logica, dell’elaborazione dei dati e del calcolo automatico.

Nell’occasione sarà possibile visitare la collezione del Dipartimento di Informatica dell’Università di Verona.

La partecipazione è libera e gratuita, previo iscrizione.

Maggiori informazioni sul sito http://www.aicanet.it/dettaglio_evento/598532

 

jn 58E' online il numero 58 della fanzine di retrocomputing Jurassic News. In questo numero:
- Editoriale: I videogiochi salveranno il retro computing
- Le prove di JN: Sirius 1/ Victor 9000
- Come eravamo: Honeywell - H316 Kitchen Computer
- Come eravamo: Come ho riscoperto Windows 98
- Retrocomputing: Tombaroli
- Emulazione:Q-Emulator
- Retro-Riviste: 300 baud magazine
- Biblioteca: Storie di Commodore
- Il raconto: Automatik (28) - Il giostraio
- Sinclair Club: Vega+ is not a Spectrum
- Retro linguaggi:SNOBOL (Parte 5)
- Videoteca: Steve Jobs - Il film
- Celebrazioni: 1^ raduno nazionale RCI
- Mediateca: Intervista a Vincenzo Scarpa
E' prelevabile online su www.jurassicnews.com

.

bitstory2016Sulla base dell'esperienza maturata con www.archeologiaInformatica.it (sito e podcast di riferimento per il settore), i giornalisti Stefano Paganini e Piero Todorovich hanno ideato e organizzato BitStory 2016, primo evento a Milano sul tema del retro-computing.
Programmato in un'unica giornata - Sabato 5 Marzo 2016 a Milano, presso lo spazio Ex Fornace (Alzaia Naviglio Pavese 16, a due passi dalla Darsena) – l’evento racconterà stralci appassionanti della storia informatica, con particolare riferimento alla città di Milano e al contributo italiano, con la presenza di protagonisti come Gastone Garziera (membro del team di progetto della Programma 101, primo calcolatore personale italiano) e di Luigino Tozzi (gruppo Elea). Ci saranno inoltre le testimonianze di Roberto Dadda sull'arrivo avventuroso dagli USA del computer del Politecnico di Milano, primo dell’Europa continentale e di Mauro Gandini sulle figure di Bill Gates e Steve Jobs che ha conosciuto professionalmente lavorando in Apple e Microsoft negli Anni 80-90.
Nello spazio espositivo i visitatori potranno vedere da vicino (in qualche caso toccare) una selezione dei computer degli ultimi decenni - dai diffusi Commodore 64, Sinclair e Apple II fino alla Olivetti Programma 101 (tra le pochissime al mondo ancora funzionanti dopo 50 anni) – e parlare con gli appassionati che hanno recuperato questi pezzi.
Tra i cimeli in mostra anche un MITS Altair 8800, un prototipo del Commodore 65 mai commercializzato e una replica fedele dell'Apple 1 (il primo personal computer di Steve Jobs e Steve Wozniak oggi diventato oggetto di aste milionarie).
Maggiori informazioni sul sito http://www.bitstory.it/

 

raduno rcbita 2016Si svolgerà nelle giornate del 2-3 Aprile, a Roma, Quando il computer divenne personal, primo raduno nazionale del RetroComputerClub Italia.
Gli appassionati di Storia dell'Informatica e del Videogame si incontreranno per mettere in mostra, i computer che hanno fatto la storia del Personal Computer negli anni '70 e '80.
L'evento, patrocinio dell'Assessorato alla Cultura del municipio Roma XI, vedrà la partecipazioni delle principlai realtà italiane: Associazione Apulia Retrocomputing, Associazione64, Compvter, Firenze Vintage Bit, MUPIN - Museo Piemontese dell'Informatica, Museo funzionante dell'informatica, Retrocampus, The Retrogames machine, Roma Makers, TI-99 Italian User Club, Verdebinario.
Durante l'evento, la maggior parte dei computer saranno accesi e gli appassionati che li espongono saranno a disposizione per dimostrare le funzionalità di programmi e giochi dell'epoca.
Maggiori informazioni sul sito http://www.retrocomputerclubitalia.it/

 

sulla cresta del baratroL’Associazione Culturale Apulia Retrocomputing ha acquisito l’esclusiva sui diritti di pubblicazione della traduzione in lingua italiana del libro “On the Edge: the Spectacular Rise and Fall of Commodore” scritto nel 2007 da Brian Bagnall.
Il libro racconta la storia della Commodore, che ha piu’ volte oscillato fra il dominio del mercato ed il fallimento, fra la cresta dell’onda e l’orlo del baratro… due situazioni opposte che nel titolo originale inglese l’autore ha voluto esprimere con la stessa frase “On the edge”, e che nel titolo italiano sono state riassunte in un gioco di parole che fonde i due modi di dire.
La versione italiana, a cura del Prof. Stefano Ferilli, socio fondatore dell’Associazione, avrà il titolo “Sulla Cresta del … Baratro: la Spettacolare Ascesa e Caduta della Commodore”.
Il libro, attualmente in fase di stampa, è disponibile al preordine sul sito dell'associazione fino al 15 Marzo.

jn 57E' online il numero 57 della fanzine di retrocomputing Jurassic News. In questo numero:
- Editoriale: Veterani cercasi
- Le prove di JN: Silicon Graphics - Indy
- Come eravamo: Due nomi quasi dimenticati
- Come eravamo: Super QL
- Retrocomputing: OK, il prezzo è giusto!
- TAMC: L'indecibilità (Parte 2)
- Biblioteca: DELETE. A Design History of Computer Vapourware
- Il raconto: Automatik (27) - Nosferatu
- Laboratorio: Il mio Z80
- Retro linguaggi:SNOBOL (Parte 4)
- Darwin: Lo sviluppo del linguaggio C
- Mediateca: Geriatric Linux
E' prelevabile online su www.jurassicnews.com

.

libro garuzzoGrazie alla lungimiranza di Adriano Olivetti negli anni 1950 e 1960 l’Italia sviluppò una propria industria dei grandi computer elettronici, ottenendo eccellenti risultati con la gamma “Elea”, avanzata e competitiva con i concorrenti americani. La scomparsa prematura dei creatori dell’impresa e l’insipienza del mondo imprenditoriale e finanziario italiano pose fine a quella straordinaria intrapresa. Con gli stessi progettisti italiani, General Electric, erede del sogno Olivetti, realizzò in Italia gli elaboratori GE 115 e GE 130, distribuiti in tutto il mondo. Giorgio Garuzzo, autore di questa autobiografia, allora giovane progettista al lavoro nei grandi centri di ricerca di Borgolombardo e Pregnana, descrive azienda, macchine e protagonisti di quel periodo d’oro dell’elettronica informatica italiana. Il testo si pone come la continuazione, ma a ritroso nel tempo, del libro, anch’esso autobiografico, che l’Autore scrisse sulla Fiat degli anni 1976-1996 (“Fiat - I segreti di un’epoca” reperibile come e-book). Usando il medesimo approccio narrativo, non si esime dal toccare anche temi scottanti, denunciando senza remore le debolezze dell’oligarchia finanziaria del Paese che condusse all’abbandono del settore, e delinea i grandi temi socio-economici del tempo, dal “miracolo economico” con l’emigrazione di massa dal sud e dalle montagne, fino all’ “autunno caldo” del 1969. Si spinge fino a valutare quanti guai avrebbero potuto essere risparmiati all’Italia se l’illuminata visione di un capitalismo etico e moderno, come propugnato da Adriano Olivetti, avesse prevalso, invece della miope speculazione di industriali e finanzieri e del parassitismo dirigistico di sindacalisti e politici. Il ciclo storico si conclude idealmente con l’ultimo capitolo che racconta della cessione della telefonia Olivetti, che l’Autore visse nel 1996 da vice-presidente dell’azienda d’Ivrea guidata da Carlo De Benedetti, ormai prossima alla fine.
Il libro è disponibile gratuitamente in forma elettronica su Amazon, iTunes ed altri bookstore online.